La chiesa di San Nicolò di Carano

La chiesa di San Nicolò: breve descrizione

Dal caratteristico campanile gotico senza guglia, fu consacrata nel 1193 e ricostruita nel XVI secolo. Venne ampliata nel 1816 e fu successivamente restaurata nel 1867. Subì un ultimo rimaneggiamento nel 1925-27 su progetto dell'architetto Giovanni Tiella.Sul timpano una riproduzione di un vecchio dipinto del Longo opera di Camillo Bernardi.Sulla facciata una riproduzione di una Madonna con Bambino di Camillo Rasmo (1938).L'interno è a tre navate. Nell'abside un crocifisso e una Madonna del Rosario di Antonio Longo (1796).Tra le alte opere del Longo sono da segnalare un S. Nicolò, una Sacra famiglia e il cenacolo degli Apostoli nell'aula, l'Arcangelo Michele e l'Angelo Custode nella controfacciata, oltre alla via Crucis.Sulla porta della sagrestia c'è la data del 1608.Nell'antipendio dell'altare laterale destro c'è una teca con le reliquie e il sigillo di Papa Clemente X.Molte opere del Longo e di altri pittori sono situate nel deposito e nel ripostiglio esterno.Nella cappella del cimitero troviamo un'acquasantiera in pietra del 1549.

Tipologia di luogo
Chiesa
Collocazione geografica

Come arrivare

Giovedì, 17 Marzo 2016